Seleziona una pagina

L’approccio a un nuovo progetto è sempre una sfida stimolante. Noi di M&R, in quanto agenzia di comunicazione con oltre vent’anni di esperienza nel campo, abbiamo il nostro. E oggi, vogliamo condividerlo con voi.

Fase 1: L’ascolto del cliente è la parte più importante. Chi ben comincia è a metà dell’opera.

Quando un nuovo cliente bussa alla nostra porta il primo pensiero è farlo sentire come parte del team. Lo ascoltiamo, capendo il suo progetto, i suoi bisogni e la sua personalità. Interagendo con lui, immaginiamo – fin dai primi attimi conoscitivi – un ipotetico percorso di lavoro. Al meeting partecipiamo tutti: grafici, copywriter, social media manager e communication strategist, così da poter consigliare al meglio il nostro interlocutore e valutare il progetto sotto le più svariate angolazioni.

Fase 2: L’approccio al nuovo progetto. “Conosci il tuo nemico e saprai come sconfiggerlo” diceva Sun Tsu.

Una volta compreso quale progetto ha in mente il nostro cliente, stiliamo una lista di “punti” da analizzare per realizzarne una bozza su carta. Qual è l’obiettivo finale del progetto? Esiste già qualcosa di simile? Cosa mi serve per realizzarlo? Quanto tempo occorrerà? Chi sono i competitor del cliente? Meglio puntare sulla parte grafica o su quella testuale? E’ meglio un tono di voce classico o innovativo? Tutte queste domande fanno parte del nostro “elencone” iniziale, che andiamo via via sfoltendo una volta cominciato il lavoro.

Fase 3: Analisi generale dei trend esistenti e personalizzazione. Un tocco di unicità per distinguersi dalla massa.

Per cominciare con il piede giusto partiamo da un’analisi dei trend già esistenti. Individuiamo ciò che già esiste sul mercato,  analizziamo gli eventuali concorrenti, identifichiamo le caratteristiche generali che accomunano i progetti già noti e, tenendole come basi per i nostri “schizzi”, ne creiamo delle varianti personalizzate. I nostri progetti sono unici, si distinguono dagli altri e si ricordano con più facilità. 

Prove di colore

Fase 4: Simulazione del progetto. Tra schizzi, prove di colore e bozze non ci si annoia mai!

Ecco che il nostro “elencone” si è già sfoltito parecchio. Il lavoro procede sciolto avviandosi verso una prima “stesura su carta”. I nostri settori di Grafica e di Copywriting scendono in campo armati di pennello e penna digitali e – lavorando affiancati – creano tavole con ipotetici loghi, colori, font, oggetti, ambienti, slogan e pay-off da sottoporre all’approvazione del cliente. 

 

Esempi di comunicazione interna

Fase 5: Confronto con il cliente. L’approccio al progetto porta i primi risultati.

Il risultato di questo lavoro di squadra è un “visual”, ossia una bozza di come i nostri creativi hanno immaginato il progetto. Con questa prima stesura andiamo dal cliente per confrontarci sul lavoro svolto. Crediamo che sia importante che il cliente veda il proprio progetto su carta. In questo modo ha la consapevolezza che questo sta iniziando a prendere vita e non è più solo una semplice idea. Vederlo lì, fisicamente sotto i propri occhi, mentre i grafici e writer spiegano quelli che sono stati i loro ragionamenti e le loro scelte, permette al cliente – ma anche a noi – di procedere insieme per le fasi successive del lavoro.

Pannello effetto murales

Un esempio di questo nostro metodo di lavoro è quello che abbiamo realizzato recentemente per il nostro nuovo cliente “Degusta”. Per lui abbiamo creato una serie di loghi e prove di colore, inventato una comunicazione online e offline su misura, e ipotizzato degli ambienti e dei gadget con marchio personalizzato. Qui ne trovate un assaggio. Che ne pensate? 

Se siete interessati al nostro lavoro, contattateci.