La nostra giornata lavorativa in smart-working.

 

M&R è un’agenzia pubblicitaria che si occupa di accompagnare i clienti verso una comunicazione efficace e moderna. Al suo interno racchiude tutte le professionalità indispensabili al raggiungimento dell’obiettivo. Abbiamo vari settori: Analisi e Strategia, Grafica, Web Design, Sviluppo Software e IoT, Copywriting…

Noi siamo chiamate scherzosamente dai nostri colleghi “Le ragazze del Copy” e siamo il team che in M&R si occupa della ricerca e analisi di posizionamento, della creazione di testi per siti e social e della gestione dei commenti.

 

Oggi vi vogliamo un po’ raccontare di come sono le nostre giornate lavorative da quando è iniziato il lockdown e siamo entrate in modalità smart working

 

La nostra giornata lavorativa in smart-working comincia così: la sveglia suona alle otto e, dopo colazione, diamo il buongiorno a tutti sulla chat di M&R. Chissà come, ci ritroviamo insieme a prendere – anche se lontani – il caffè mentre ci aggiorniamo sui vari clienti e sui lavori in svolgimento.

Iniziamo a lavorare alle nove. Accendiamo i nostri pc, avviamo la videocall e, aprendo il programma project manager per la gestione dei compiti e del tempo, vediamo insieme cosa c’è da fare quel giorno. Ognuna poi porta a termine durante la mattinata i task della propria checklist. Verso l’una circa, facciamo un re-cap veloce. Infine, ispirandoci a vicenda sulla ricetta del giorno, ci salutiamo per risentirci dopo la pausa. 

Nel pomeriggio riprendiamo con una breve call. Condividendo gli schermi riassumiamo le cose fatte durante la mattina e ci confrontiamo sui contenuti creati, in modo da perfezionarli prima di renderli disponibili al cliente per l’approvazione o ai nostri colleghi per l’impaginazione o la pubblicazione su un sito.

 

Lavoriamo su cartelle, documenti, immagini e fogli di lavoro condivisi, quindi è facilissimo e pratico fare modifiche o scambiarsi opinioni e commenti, anche se non siamo in ufficio. 

Un documento – per esempio questo sul quale sto scrivendo – è ritoccabile da ognuna di noi, o da altri colleghi e clienti coinvolti. Il programma ci assegna dei colori, così da sapere chi apporta cambiamenti o suggerimenti al testo, che possiamo poi decidere di approvare o meno. Possiamo, inoltre, tornare indietro e riprenderne una versione precedente per lavorarci sopra in maniera differente. 

Non nascondiamo che a volte, quando siamo particolarmente creative, modificando una sulle altre andiamo a creare un bel arcobaleno un po’ confusionario, ma basta approvare o meno i suggerimenti per far tornare l’ordine nel documento. 

Nella seconda parte del pomeriggio, poi, continuiamo con la creazione dei contenuti dedicandoci soprattutto alla parte copy destinata ai siti, quali articoli, testi per blog, ecc.

 

Durante la nostra giornata lavorativa in smart-working inseriamo anche gli appuntamenti o eventuali richieste dell’ultimo minuto. Domande che arrivano attraverso messaggi o mail, a cui cerchiamo sempre di dare una priorità per soddisfare i nostri clienti.

 

Inoltre, per mantenere sempre tutti aggiornati sull’andamento dei nostri lavori, e avere una visione d’insieme generale, ogni settimana abbiamo una call “aziendale” alla quale partecipano tutti i settori con anche i rispettivi coordinatori. In questo modo ogni dubbio scompare e si fa spazio a idee e a una perfetta organizzazione.

Lo smart working per M&R ha funzionato da subito alla grande. Siamo riusciti a rispettare le scadenze prefissate, e grazie al nostro servizio dell’App Conta-Accessi abbiamo addirittura conquistato nuovi clienti.

 

Nell’ultimo periodo stiamo sperimentando con successo il lavoro asincrono: fissate le scadenze, ciascuno contribuisce all’avanzamento del singolo progetto gestendo al meglio il proprio tempo. Tutto procede in modo più snello e la nostra produttività complessiva è aumentata notevolmente, insieme alla soddisfazione dei nostri clienti!

 

Se siete interessati ai vantaggi della digitalizzazione di impresa, consultate la pagina dedicata sul nostro sito

 

Smart Working, digitalizzazione d’impresa