+39 010 846 1797 - +39 010 859 3311 info@mercomm.it

Al mio segnale…scatenate la pubblicità!

Ebbene si, in questi ultimi anni diverse aziende si sono sfidate a “colpi di pubblicità” con claim taglienti, risposte sagaci e contro-risposte ancor più sarcastiche. Il loro campo di battaglia? I social network.

Le aziende che hanno innescato queste “conversazioni” sono, ovviamente, spesso competitor con l’obiettivo di attirare l’attenzione sul proprio brand con ironia, vincendo la battaglia sul terreno virtuale. Foto, slogan, cinguettii su Twitter sono il loro modo di comunicare: esaltano una loro caratteristica positiva mettendo in ombra il rispettivo competitor, oppure criticando, sempre con una sottile ironia, l’avversario stesso. Molto spesso capita però che non avvenga l’effetto desiderato o addirittura, susciti l’esatto opposto; tutto sta nella risposta della controparte: se il competitor ribatte accettando la sfida, si crea una posizione di stallo, dove ognuno ha fatto la propria mossa e il risultato è stato strappare un sorriso al pubblico e promuovere il proprio brand in maniera originale. A proposito di fare la propria mossa, ecco un esempio dello scambio di battute tra le case automobilistiche BMW e Audi

Audi provoca la BMW con una frase tipica del gioco degli scacchi “Fai la tua mossa, BMW.” e l’altra casa automobilistica tedesca non si fa scoraggiare: “Scaccomatto.”!

Ma ancora, la contromossa di Audi: “La tua pedina non può competere con il nostro re.” E per tutta risposta BMW risponde, ponendo fine alla battaglia e uscendone vincitore, “Game over.” scritto sopra un dirigibile per sovrastare la dimensione dell’ultimo cartellone pubblicitario del rivale.

 

Il ruolo del social media manager

Essere un buon social media manager significa non solo creare contenuti virali e promuovere un’azienda o un prodotto, la vera creatività sta nello sfruttare quello che il mondo esterno offre. I social network sono il collegamento più veloce e diretto per comunicare in tutte le parti del mondo. Sfruttarli e ottenere buoni risultati è un lavoro non da poco.

I social media manager, rispettivamente di Alitalia e Norwegian Air, hanno centrato pienamente il punto.

Per riassumere i fatti che hanno portato a questa battaglia, la compagnia norvegese ha assicurato una tratta diretta Roma-USA a costi molto bassi e ciò ha portato a un “riadattamento” dei servizi delle altre compagnie aeree che offrivano la stessa tratta. Alitalia non c’è stata e ha messo in bella mostra tutti i suoi comfort in volo con una forte provocazione per la Norwegian Air che ha prontamente ribattuto “correggendo” la pubblicità.

E gli altri?

Tutto questo fa pensare a un battibecco bonario, che in realtà i competitors siano grandi amici e non rivali da anni sul mercato mondiale. Sarà anche questa una strategia di marketing? Ci avranno convinto a scegliere una marca piuttosto che un’altra? Noi ci siamo comunque divertiti a fare da spettatori a queste battaglie a colpi di slogan e immagini.

Ancora loro sono i protagonisti delle battaglie marketing. Rivali da anni, nel 2006 BMW fa i complimenti ad Audi per essere stata proclamata “auto dell’anno del Sud Africa”…complimenti che provengono dalla macchina “vincitrice dell’auto dell’anno del mondo”: BMW.

 

Come dimenticare gli eterni rivali nel mondo del fast food: Burger King e Mc Donald’s! Qui vediamo il pagliaccio, simbolo del brand giallo-rosso dei fast food, andare camuffato a ordinare da Burger King. Da chi dei due proviene questa provocazione?

 

La provocazione di FedEx nei confronti di DHL è chiara: siamo più veloci di voi! A prescindere da chi può avere ragione, trovo la resa grafica di questa pubblicità una delle migliori degli ultimi anni.

 

Non si può certo criticare la Apple dal punto di vista del marketing e questa ne è l’ennesima prova. I computer Mac della Apple non prendono virus…al contrario di tutti gli altri.

 

Troviamo nuovamente la Norwegian Air sempre sul pezzo. Dopo lo shock generale della rottura tra Brad Pitt e Angelina Jolie, la compagnia aerea non ha perso tempo per trarne benefici sponsorizzando la tratta Roma/Los Angeles con un simpatico slogan.