+39 010 846 1797 - +39 010 859 3311 info@mercomm.it

Ultimamente sembra di essere tornati negli anni Ottanta: pantaloni a vita alta, la nuova versione della Play Station 1 che raggiunge incassi record, le Spice Girls che tornano in tour e il Winner Taco che (ri)diventa il gelato dell’estate.
Un fatto strano e peculiare per molti, un’antitesi quasi all’estetica pulita, minimal e molto moderna che va di moda in questo momento.

Il Commodore 64, uno dei simboli indiscussi della rivoluzione tecnologica

Ma come ci siamo ritrovati a vivere gli Eighties 2.0?
Tutta “colpa” del marketing, o più precisamente dell’effetto nostalgia che, dopo il successo di serie tv come Stranger Things, è tornato a bussare alle porte di coloro che, negli anni Ottanta e Novanta era un bambino o un adolescente. E che ora si ritrova ad essere un adulto, con uno stipendio e tanta, tanta voglia di tornare ragazzino per sfuggire alle preoccupazioni quotidiane.
E i brand hanno colto la palla al balzo, dal fashion al food, dal mercato delle serie tv a quello musicale.
Tra i remake di videogiochi anni 90 e i live action di film Disney storici, il mercato è ormai diviso tra il gusto prettamente moderno e quello vintage.

Come funziona il nostalgia effect?
Il consumatore post-moderno, nato in un periodo di relativa calma e catapultato in un età adulta estraniante e iper veloce, trova nell’acquisto di prodotti legati al proprio vissuto una sorta di “ancora di salvezza emotiva”, in grado di riportare alla mente quei periodi sereni e spensierati venuti meno con l’avanzare dell’età.
La speranza è quella di poter ricreare, almeno per qualche ora, le atmosfere ingenue e scanzonate dell’infanzia e liberarsi dall’ansia da prestazione tipica dei nostri tempi. Un vero e proprio locus amoenus confortante e sicuro.
Il concetto di “nuovo” finisce così col confondersi con quella che, nella realtà dei fatti, non è altro che una costruzione idealizzata del passato.

Siamo proprio nel mezzo di una vera e propria “Revival-Era” in cui i ricordi e le emozioni legati al vissuto assumono un’importanza fondamentale: portare all’incasso oggetti e mode delle epoche passate, al fine di placare gli appetiti nostalgici dei consumatori, è solo la logica conseguenza.